Un contesto di mercato sfidante

L’industria dell’investment banking europeo attraversa da tempo un periodo difficile: nell’ultimo decennio, i ricavi si sono contratti a un tasso annuo medio del 5% a fronte di costi elevati (indice costi/ricavi al 75%). L’abbondante liquidità, i bassi tassi di interesse e l’inasprirsi del contesto normativo, il cui obiettivo è scongiurare il rischio di crisi finanziarie analoghe a quelle dell’ultimo decennio, hanno forzato molti player del settore ad attuare profonde ristrutturazioni.

Per un operatore solido e flessibile possono emergere tuttavia interessanti opportunità. Il mercato europeo del CIB è interessato da un'intensa attività di M&A domestica e transnazionale da parte di aziende medio-grandi, spinte dalla bassa crescita organica, dal consolidamento dei settori di riferimento e dal basso costo del debito. In questo contesto, le boutique di advisory continuano a guadagnare quote di mercato rispetto alle banche universali, grazie alla maggiore focalizzazione sul cliente e alla flessibilità del modello di business. 

 

Le linee guida strategiche 2019-2023

Il nostro piano strategico 2019-2023 prevede per la divisione CIB una crescita di ricavi e redditività, favorita sia dai nostri tratti distintivi che dalle azioni che attueremo.

I risultati del triennio 2016-2019

Nel corso del piano triennale 2016-2019, abbiamo consolidato la nostra divisione CIB: 

  • investendo in risorse umane;
  • diversificando ulteriormente i ricavi anche grazie alla partnership strategica con la boutique francese Messier Maris e allo sviluppo dei prodotti di Specialty Finance;
  • preservando l’eccellente qualità dell’attivo;
  • accrescendo la redditività (ROAC al 15% contro il 10% del giugno 2016);
  • riducendo l’assorbimento di capitale;
  • mantenendo la base costi sotto stretto controllo.

La missione al 2023: consolidare la leadership in Europa
Il piano strategico intende consolidare la posizione di Mediobanca come Investment Bank leader in Europa e in particolare in Italia, Francia e Spagna, focalizzata in particolare sui prodotti e servizi di M&A e Capital Market a supporto delle medie e grandi aziende nelle operazioni nazionali e transnazionali.

 

Per cogliere le opportunità:

  • rafforzeremo la nostra piattaforma di business origination nell’Advisory nei tre mercati core (Italia, Francia e Spagna) per favorire il cross-selling interno;
  • svilupperemo una piattaforma europea integrata di Capital Market per garantire ai clienti un’offerta completa, sempre alimentata da nuovi prodotti;
  • impiegheremo il capitale in modo sempre più profittevole.

Continueremo inoltre a valutare opportunità di acquisizioni nell’advisory e nel Capital Market.

Le sinergie a sostegno della crescita

Per sostenere la nostra crescita nell’arco del piano, favoriremo sempre più la già efficace collaborazione con l’attività di Private Banking che rappresenta un vantaggio competitivo decisivo: siamo infatti l’unico operatore in Italia a disporre del “doppio coverage” per clienti CIB e Private Banking. Siamo quindi in grado di supportare gli imprenditori nostri clienti - in particolare nel segmento MidCaps - sia nelle scelte d’impresa, sia con riferimento alle esigenze personali di gestione patrimoniale. 

Dal punto di vista internazionale, metteremo a frutto la partnership con la boutique francese Messier, Maris et Associés per consolidare la nostra presenza in Europa, massimizzando la copertura settoriale e la collaborazione con gli investitori finanziari. L’accordo concluso nel 2019 ci permetterà di affermarci sempre di più sull’asse Francia-Italia, caratterizzato da una grande vivacità nelle transazioni cross-border.

Potenziamo della distribuzione

A fine piano conteremo:

  • ~165 professionisti nell’advisory (+50%) a copertura dei tre principali mercati, Italia, Spagna, Francia (compresi i 40 professionisti di Messier Maris)
  • ~145 professionisti, per potenziare la piattaforma di Capital Market. 

Gli obiettivi finanziari del piano 2019-2023

Nell’arco del piano, grazie alle sinergie e a un uso sempre più efficiente del capitale, la divisione CIB aumenterà ricavi e redditività, confermando la resilienza e la capacità di generare valore in un mercato sempre più competitivo.

A orizzonte 2023 prevediamo:

  • una solida crescita dei ricavi (CAGR del 6%) a 0,8 miliardi di euro, sostenuti da attività a bassa intensità di capitale;
  • una crescita selettiva degli impieghi (CAGR del 2%) a 20 miliardi di euro;
  • una redditività in aumento, con un ROAC del 16%.

Per approfondire

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.