Ci siamo distinti nel contesto europeo per redditività e performance di mercato, garantendo un’elevata remunerazione degli azionisti. L’ampia dotazione di capitale frutto della gestione e non del ricorso ad aumenti di capitale, il profilo rischio/rendimento fra i migliori in Europa e l’eccellente qualità degli attivi ci garantiscono un posizionamento solido da cui costruire la crescita futura. La distintività del modello di business e la comprovata capacità di crescere across-cycles ci permettono di volgere le criticità insite nell’attuale scenario macroeconomico in opportunità per consolidare il nostro posizionamento.

Di fronte alla pandemia Covid-19, che nel marzo 2020 ha costretto l’Italia, seguita da numerose altre nazioni, a una quarantena improvvisa e inaspettata, abbiamo reagito con prontezza, istituendo tempestivamente un’Unità di Crisi, massimizzando lo smart working per i dipendenti senza interrompere i servizi ai clienti. In questo difficile contesto, il gruppo ha dimostrato il valore, la resilienza e l’efficacia del modello di business.

Oggi siamo impegnati nell’esecuzione delle linee guida del nostro piano strategico per proseguire il nostro percorso di crescita nel Wealth Management, nel Corporate & Investment Banking e nel Consumer Banking.

Cultura aziendale basata su solidità, stabilità e integrità

  • Solidità patrimoniale, che poggia su un costante presidio di costi e rischi
  • Stabilità del consiglio di amministrazione e del management negli ultimi 15 anni, che garantisce una profonda conoscenza del contesto di business oltre a una visione strategica di lungo periodo
  • Altissimo valore del marchio. Da quasi 75 anni Mediobanca si contraddistingue per una reputazione di affidabilità e qualità. La credibilità del gruppo affonda le sue radici nell’approccio responsabile al business, nella correttezza, nella trasparenza e nella costante attenzione all’etica e all’integrità
  • Specializzazione e innovazione
  • Sviluppo sostenibile del business, volto alla creazione e alla tutela del valore per tutti gli stakeholder
  • Strategia ESG integrata nel piano strategico, per coniugare la crescita di business e la solidità finanziaria con la sostenibilità sociale e ambientale

Capacità di evolvere e di volgere le criticità in opportunità

  • Trasformazione da holding di partecipazione a gruppo finanziario specializzato
  • Comprovata capacità di adattare il modello di business ai cambiamenti normativi e alle tendenze di mercato
  • Modello di business focalizzato su attività altamente specializzate e redditizie, integrato tra attività cicliche e anticicliche, diversificato tra retail e corporate, capace di crescere anche in situazioni avverse
  • Storia di robusta crescita senza compromissioni sull’approccio prudente alla gestione dei rischi

Modello di business distintivo e integrato

  • Presenza in tre settori di attività trainati da tendenze strutturali positive nel lungo termine
  • Banca d’affari di riferimento in Italia, ora leader anche in Europa del Sud
  • Operatore distintivo per qualità, innovatività e valore nel mercato italiano del Wealth Management
  • Unico operatore in Italia leader nel Corporate & Investment Banking e con affermata presenza nel Private Banking, in grado di coprire tutte le necessità finanziarie degli imprenditori, in particolare nel segmento Mid-Caps
  • Tra i primi tre operatori nel credito al consumo in Italia con Compass
  • La divisione Principal Investing, pressoché interamente rappresentata dalla partecipazione in Assicurazioni Generali, costituisce un investimento profittevole e un’opzione di valore attivabile in caso di operazioni di crescita

Crescita e redditività

  • Track record positivo. Gli obiettivi del piano triennale 2016-2019 sono stati in parte raggiunti e in parte superati, con performance di mercato superiori al contesto di riferimento
  • Crescita a parità di livello di rischio, senza necessità di aumenti di capitale (l’ultimo risale al 1998) o di ristrutturazioni
  • Elevata qualità degli attivi
  • Base costi sotto controllo

Remunerazione degli azionisti

  • Accresciuta remunerazione degli azionisti durante l’arco del piano 2016-2019 (pay-out dal 38% al 50% vs. 40% di piano e aggiuntivo piano di buyback)
  • Crescita prevista della remunerazione degli azionisti nell’arco del piano industriale 2019-2023, con maggiore visibilità su dividendi e programmi di riacquisto e cancellazione di azioni proprie.
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.